Fabiola Cannizzaro

Email: fabiola.cannizzaro.3@gmail.com
Ciclo: XXXVI
Tutor: Professore Antonio Las Casas

Parole chiave

Diritto Privato Comparato, Diritto Civile, Diritto di proprietà, Accesso, Beni Comuni, Usucapione, Corte Europea dei Diritti dell’Uomo


Abstract

Diritti proprietari e accesso alle risorse. Modelli di Common Law e dialogo tra le Corti su ragioni della proprietà e tutela del possesso

Il progetto di ricerca si propone di indagare i rapporti fra modelli proprietari classici ed accesso alle risorse nei sistemi di Common Law e nello spazio giuridico europeo.
Più specificamente la ricerca trae spunto da una recente pronuncia della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo che, in materia di usucapione, ha disvelato l’annosa questione circa la natura e la centralità dei modelli proprietari tradizionali.
In tale contesto, la ricerca si interroga sulla possibilità di individuare modelli di accesso alle risorse alternativi rispetto a quelli tradizionali, partendo dalla categoria, ormai affermata anche nel diritto vivente, dei beni comuni.
Tanto la giurisprudenza della Corte di Strasburgo quanto la recente giurisprudenza costituzionale in Italia hanno evidenziato come la questione sull’accesso alle risorse sia tutt’altro che sopita.
Da tali questioni problematiche, il progetto di ricerca intende valutare la praticabilità di un intervento volto all’elaborazione di statuti di accesso alle risorse diversificati sulla base di differenti categorie di beni.

Biografia

Fabiola Cannizzaro si è laureata cum laude presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Catania il 25 novembre 2019, discutendo una tesi in diritto privato comparato dal titolo “Responsabilità da affidamento. Un’analisi comparatistica”.
Ha vinto la XVII Edizione del Premio “Giuseppe Sperduti”, assegnato annualmente a livello nazionale dalla Società Italiana dell’Organizzazione Internazionale (SIOI) in seguito a una simulazione processuale su un caso pratico relativo alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti umani e delle libertà fondamentali. Grazie allo stesso, avrà l’opportunità di svolgere un periodo di tirocinio presso la Corte europea dei diritti umani a Strasburgo.
Da dicembre 2019 svolge presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Catania il tirocinio formativo di cui all’art. 73 d.l. 21 giugno 2013, n. 69.
Nel settembre 2020 è risultata vincitrice del bando per lo svolgimento della pratica forense presso l’avvocatura distrettuale dell’INPS di Catania.
Nel settembre 2020 è risultata vincitrice, con borsa di studio d’Ateneo, del concorso di ammissione al dottorato di ricerca (XXXVI ciclo) in Giurisprudenza- Internazionale presso l’Università degli Studi di Catania.