Orazio Condorelli

Professore di I fascia IUS/11 - DIRITTO CANONICO E DIRITTO ECCLESIASTICO
Ufficio: Via Auletta, 13 - 2° piano
Email: ocondorelli@lex.unict.it
Telefono: 095230417 (int. 810417)

Orario di ricevimento: Lunedì e martedì dalle 10:15 alle 12:15

Disponibilità tesi: 11 (già assegnate 14)



Parole chiave:

Diritto canonico della Chiesa latina e delle Chiese orientali; Diritto ecclesiastico dello Stato; Storia del diritto medievale e moderno; Diritto comune europeo (ius commune); Storia delle università; Storia delle istituzioni politiche; Storia delle istituzioni religiose; Storia della Chiesa; Ecclesiologia; Teologia morale

Orazio Condorelli (Catania, 1966) è professore ordinario di Diritto Ecclesiastico e Diritto Canonico (Ius/11) nel Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Catania. Le sue attività di ricerca si muovono nei campi del Diritto canonico, del Diritto Ecclesiastico dello Stato, della Storia del diritto, con particolare riferimento alla storia del diritto comune (ius commune) quale patrimonio giuridico comune alla civiltà occidentale in età medievale e moderna.

Scarica il file

Ultimo aggiornamento: 28/01/2022


visualizza le pubblicazioni
N.B. l'elevato numero di pubblicazioni può incidere sul tempo di caricamento della pagina

Le mie attività di ricerca si muovono nei campi del Diritto canonico, del Diritto Ecclesiastico dello Stato, della Storia del diritto, con particolare riferimento alla storia del diritto comune (ius commune) quale patrimonio giuridico comune alla civiltà occidentale in età medievale e moderna.

È Co-Direttore della International School of Ius Commune (Ettore Majorana Foundation and Centre for Scientific Culture, Erice, Sicilia) accanto ai Prof. M. Bellomo (Catania) e K. Pennington (Washington D.C.). La Scuola organizza corsi e workshops diretti ad approfondire la storia del passato giuridico comune dell'Europa medievale e moderna, con attenzione anche all'esperienza storica del Nuovo Mondo.

Svolge attività editoriale per la Rivista Internazionale di Diritto Comune, della quale è co-direttore editoriale.

È membro dei comitati editoriali di parecchie riviste scientifiche (italiane e internazionali) nelle aree del Diritto canonico ed Ecclesiastico e della Storia del diritto medievale e moderno.

Nell’ottobre 1994 ha conseguito il Premio Scientifico “Erice International Prize for Ius Commune” per l’opera inedita Clerici peregrini. Aspetti giuridici della mobilità clericale nei secoli XII-XIV.

Il libro “Unum corpus, diversa capita”. Modelli di organizzazione e cura pastorale per una varietas ecclesiarum (secoli XI-XV) è stato segnalato dal Club dei Giuristi fra i Libri dell’anno per il 2002.

Dal 2008 è Vice Presidente della Iuris Canonici Medii Aevi Consociatio (ICMAC) (Zürich), e dal 2012 membro del Board of Directors dello Stephan Kuttner Institute of Medieval Canon Law (München-Yale).

È membro del Collegio dei Docenti del Dottorato di Ricerca in Giurisprudenza (Università di Catania).

Diritto e religioni: percorsi iconografici tra passato e presente

Lungo una prospettiva di indagine che non è certo inedita negli studi giuridici (basti pensare agli innumerevoli lavori sulle rappresentazioni della giustizia o della legge), il corso si propone di riflettere sulle relazioni tra diritto e religione nello spazio pubblico attraverso un percorso per immagini. Alla base sta l'idea che le concezioni giuridiche si manifestano anche in forma iconica, non solo attraverso le architetture che connotano il nostro paesaggio civile, ma anche attraverso le arti figurative o applicate che traducono in immagini determinate rappresentazioni concettuali della religione, della sua collocazione nello spazio pubblico e delle sue relazioni col potere politico.