Adriana Di Stefano

Professoressa di II fascia IUS/14 - DIRITTO DELL`UNIONE EUROPEA
Ufficio: Via Crociferi, 81 - 1° piano
Email: adistefano@lex.unict.it adriana.distefano@unict.it
Telefono: 095230465
Twitter: @AdrianaDiStef11
Skype: Alif29

Orario di ricevimento: Mercoledì dalle 12:30 alle 14:00 | Giovedì dalle 12:00 alle 14:00

Disponibilità tesi: 0 (già assegnate 16)



Parole chiave:

Diritto internazionale;  Diritto dell'Unione europea; Organizzazione internazionale; Cooperazione regionale; diritto interno e diritto internazionale;  Controversia internazionale; Giurisdizione internazionale; intepretazione; principi generali; soft law; Territorio; sovranità territoriale; Frontiere; Migrazioni;  Rifugiati; Self-contained regimes; Diniego di Giustizia; Protezione diplomatica; Diritti umani; Corte europea dei diritti umani; due diligence; margine d'apprezzamento; rimedi interni; non discriminazione; vulerabilità; diritti delle donne; Stranieri; Cittadinanza; Sussidiarietà;  Solidarietà; Diritto transnazionale; Governance Europea; Mercato interno; Vicinato; cooperazione transfrontaliera; coesione economica, sociale e territoriale; FAO; UE; UNICEF; UNESCO; Teorie e Questioni di Genere; Biodiritto

Progetti di Ricerca

ExTemPoRe: Exceptionally Bad Times. Memory, Policy and Regulation of Transnational Crisis (2020-2022)

(PI) Solidarity: The Quest for Founding Utopias of International Law (2020-2021), co-funded by the Young Investigator Training Program 2019 (ACRI, Rome)

Judging the past. Historical and judicial truths before the European Courtof Human Rights (2018-2021)

(PI) progetto di ricerca  “I paradossi della solidarietà europea: nell’officina dello Stato sociale globale” (Piano triennale della Ricerca UniCT, 2016-2019)

(PI) progetto di ricerca interdisciplinare  “Living in between Laws: per un modello ‘transnazionale’ di ius migrandi” (FIR 2014/2015) Istituto internazionale J. Maritain, Roma; 

In progress: The Legal Reasoning of the  EU Court of Justice (2020)

In progress:  Il buon vicinato nel diritto internazionale e dell’Unione europea (2021)

In progress: Migration and Culture: Shaping Cultural Rights of Migrants (2021)

Fundamental Values in the EU. Problems and Challenges (ed.)

Gender Issues and International Legal Standards

 Laboratorio permanente Coesione e Diritto, (programmi di ricerca, formazione e terza missione in tema di politiche europee di coesione, solidarietà e sviluppo territoriale, pratiche discriminatorie, diritti fondamentali e questioni di genere (curatela della collana Coesione e Diritto, presso l’editore Ed.it, Firenze). 

Adriana di Stefano insegna diritto internazionale e diritto dell’Unione europea nell’Università degli Studi di Catania. Ha svolto attività seminariali, didattiche e di ricerca come visiting scholar presso università europee ed extra-europee (Vienna, Lubiana, Amsterdam, Tel Aviv, Melbourne, Canberra, Michigan University, Ann Arbor) e come relatrice ospite nell’ambito di conferenze e progetti scientifici nazionali e internazionali. 

È socia attiva della Società Italiana di Diritto internazionale e dell’Unione europea (SIDIUE, Gruppo di interesse su Bioetica e biodiritto internazionale ed europeo); dell’Associazione italiana degli studiosi di diritto dell’Unione europea (AISDUE); della European Society of International Law, dell’American Society of International Law e dell’International Law Association (ILA). 

Nell’Università di Catania è delegata del rettore per le pari opportunità e coordinatrice della Classe delle Scienze Umanistiche e Sociali presso la Scuola Superiore di Catania, ove è tutor di allievi e allieve del Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza (Coco, Bonafede, Fargetta) relatrice di tesi di Diploma e docente referente di corsi interdisciplinari, specialistici e Colloquia. È componente del Centro di Ricerca per la Riduzione del Danno da Fumo (CoEHAR, Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale), e del Centro di Diritto Penale europeo (Dipartimento di Giurisprudenza)dell’Università degli studi di Catania.

Nel Dipartimento di Giurisprudenza è componente del collegio dei docenti del Corso di Dottorato di Ricerca in Giurisprudenza (supervisor di dottorandi/e di ricerca: Giorgia Lo Tauro; Marco Fisicaro), della Commissione Ricerca e della Commissione Paritetica docenti-studenti. 

È co-responsabile del Programma di didattica clinica “Coesione e Diritto”, del network di cliniche legali dell’Accademia di Diritto delle Migrazioni di Viterbo e di un workshop interdisciplinare di didattica e ricerca sulle migrazioni transnazionali nell’area del Mediterraneo. È docente nella Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali, nel Master in Diritto italiano di Varsavia, nel Corso di Perfezionamento in Giustizia dei minori e della famiglia, nel Master sulle Controversie in Materia di Lavoro. È componente del Comitato Scientifico della Croce Rossa Italiana e co-responsabile della Winter School in Diritti umani e Diritto Internazionale Umanitario. Partecipa inoltre al Comitato Scientifico dell’Osservatorio della Giustizia Europea e al coordinamento di programmi formativi in collaborazione con la Scuola Superiore della Magistratura (Corte d’appello di Catania).

Nel Dipartimento di Scienze Umanistiche (DiSUM) è docente responsabile di corsi e attività formative di diritto internazionale, co-fondatrice e componente del Comitato Scientifico del Centro interdisciplinare di Studi di Genere (GENUS). 

Referente del programma interdisciplinare di ricerca e di terza missione “Living in between Laws: per un modello ‘transnazionale’ di ius migrandi”, coordina attualmente il progetto di ricerca “I paradossi della solidarietà europea nell’officina dello Stato sociale globale” (Piano triennale della Ricerca UniCT, 2016-2019) e il programma “Solidarity: The Quest for Founding Utopias of International Law” (2020-2021), co-finanzato dal Young Investigator Training Program 2019 e sponsorizzato dalla European Society of International Law (ESIL Research Forum 2021). 

 

È componente del comitato di redazione delle riviste Diritti Umani e Diritto Internazionale, della Rivista Giuridica del Mezzogiorno, Roman Yearbook of International Law e della Rivista di Studi Giuridici sull’orientamento sessuale e l’identità di genere GenIUS.

 

Adriana ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in “Profili della cittadinanza nella costruzione dell’Europa” (2005) e svolto attività di ricerca e insegnamento come borsista post-lauream, borsista del Centro Universitario Cattolico (CEI, Roma), assegnista di ricerca (2006-2009), ricercatrice confermata (2010-2013), professoressa aggregata (2005-2010), professoressa di II fascia (ad oggi) di diritto internazionale e diritto dell’Unione europea. 

Avvocata, ha collaborato l’Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno (SVIMEZ, Roma) e con il Formez Pa, con attività di ricerca e consulenza giuridica. Nel quadro delle attività del Laboratorio permanente Coesione e Diritto, si occupa di programmi di ricerca, formazione e terza missione in tema di politiche europee di coesione, solidarietà e sviluppo territoriale, pratiche discriminatorie, diritti fondamentali e questioni di genere, curando, in particolare, la collana Coesione e Diritto, attiva presso l’editore Ed.it, Firenze. 


visualizza le pubblicazioni
N.B. l'elevato numero di pubblicazioni può incidere sul tempo di caricamento della pagina

EU Law and International Law

EU Citizenship and  human rights

International Responsibility

International Law in Domestic Courts

Migration and Refugee Law

Migration and Culture

Critical Approaches to International Law

Feminism and international human rights law

Gender Issues and Human Rights Law

 

Delegata  del Rettore per le Pari Opportunità

Scuola Superiore di Catania,  Coordinatrice della Classe delle Scienze Umanistiche e Sociali  

Co-delegata dipartimentale per i programmi di Clinica legale

Componente per il Dipartimento di Giurisprudenza del Comitato Scientifico dell’Osservatorio della Giustizia Europea

Componente della Commissione Ricerca del Dipartimento di Giurisprudenza

Componente della Commissione Paritetica Dipartimentale  

Componente titolare della IV sottocommissione per l’esame di avvocato, sessione 2014, costituita presso la Corte d’Appello di Catania

Co-fondatrice e Componente del Comitato Scientifico del Centro interdisciplinare di Studi di Genere (GENUS) dell’Università di Catania, costituito presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche

Componente del Centro di Ricerca interdipartimentale per la Riduzione del Danno da Fumo (CoEHAR)

Membership in società scientifiche e altre associazioni

  • Società Italiana di Diritto Internazionale e di diritto dell'Unione europea  | Italian Society of International Law (ISIL-SIDI)
  • Associazione Italiana Studiosi di Diritto dell'Unione europea (AISDUE)
  • European Society of International Law (ESIL)
  • American Society of International Law (ASIL)
  • International Law Association, Italian Branch
  • International Institut Jacques Maritain, Rome
  • Centro Studi e Ricerche "Coesione e Diritto" (Research Director)
  • Centro di Diritto Penale Europeo
  • Centro Studi di Diritto e Procedura Penale dell’Economia
  • Risorse Internazionali, Professional Network
  • Associazione Alumni Iurisprudentiae Universitatis Catanensis
  • Rete italiana Alumni della University of Michigan Law School
  • European Women’s Lawyers Association (EWLA) 

Direzione o partecipazione a progetti di ricerca attivi

I paradossi della solidarietà europea: nell'officina dello Stato sociale globale

Living in-between Laws: towards a transnational model of ius migrandi

Gruppo di ricerca Interdisciplinare sugli Studi di Genere GENUS

Gender Issues and International Legal Standards

Judging the past. Historical andjudicial truthsbefore the European Courtof Human Rights

 

  • Terza missione dell’Università

Programma di Clinica Legale "Coesione e Diritto", Dipartimento di Giurisprudenza (in corso)

I Seminari di Coesione e Diritto: Workshop su Metodologia e Didattica Clinica (in corso)

Il Marchio del Patrimonio Europeo (in corso)

Croce Rossa Italiana, attività scientifica e coordinamento progetti formativi (in corso)

Laboratorio interdisciplinare “Migrazioni, diritti e confini. Strategie europee e dimensioni locali”