Ernesto De Cristofaro

Ricercatore IUS/19 - STORIA DEL DIRITTO MEDIEVALE E MODERNO
Sede: Via Auletta, 13 - II piano
Email: edecristofaro@lex.unict.it
Telefono: 095230420

Orario di Ricevimento:Link



Parole chiave:

Diritto pubblico; Sovranità; Biopolitica; Diritto penale; Razza; Eugenetica; Discriminazione; Shoah; Colonialismo; Diritti umani; Crimini di guerra; Corti internazionali; Leggi sulla memoria; negazionismo; Mafia

Ernesto De Cristofaro (1972), laureato in Giurisprudenza e in Filosofia (Catania 1994; Venezia 2001), Dottore di ricerca in “Profili della cittadinanza nella costruzione dell’Europa” (Catania 2005), borsista presso il Max-Planck-Institut für europäische Rechtsgeschichte di Frankfurt am Main (2004; 2009) e Visiting scholar presso la “School of law – U.C. Berkeley” (2004; 2006), è ricercatore di Storia del diritto medievale e moderno presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Catania.

Ha scritto sulle riviste “Segno”, “Rechtsgeschichte”, “Quaderni fiorentini”, “Materiali per una storia della cultura giuridica moderna”, “Belfagor”, “Discipline filosofiche”, “Sociologia del diritto”, “Snodi. Pubblici e privati nella storia contemporanea”, “Laboratoire italien”, “Micromega – Il rasoio di Occam”, “Il mestiere di storico”; curato il volume di P. Barcellona, R. De Giorgi, S. Natoli, Fine della storia e mondo come sistema (Dedalo 2003) e pubblicato i saggi: Sovranità in frammenti. La semantica del potere in Michel Foucault e Niklas Luhmann (Ombre Corte 2007), Codice della persecuzione. I giuristi e il razzismo nei regimi nazista e fascista (Giappichelli 2008), Il senso storico della verità. Un percorso attraverso Foucault (Il Melangolo, 2008). Con Carlo Saletti, ha curato Precursori dello sterminio. Binding e Hoche all’origine dell’“eutanasia” dei malati di mente in Germania (Ombre Corte, 2012).

Nato a Catania il 6 ottobre 1972.

Il 7 novembre 1994, Laurea in Giurisprudenza conseguita presso l’Università di Catania con voti 110/110 e lode

Dal settembre 1999 al settembre 2001, titolare di una borsa di studio per l’avviamento alla ricerca nel settore disciplinare Filosofia del diritto (Ius/20), erogata dall’Università di Catania.

Nel febbraio 2000, abilitazione all’esercizio della professione forense.

Il 31 ottobre 2001, Laurea in Filosofia conseguita presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia con voti 110/110

Dal dicembre 1999 al dicembre 2002, collaborazione all’attività didattica delle cattedre di Filosofia del diritto della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Catania, tenute dal Prof. Pietro Barcellona.

Dal dicembre 1999 al settembre 2003, collaborazione, in qualità di docente volontario di materie umanistiche e giuridiche, alle attività didattiche dell’Istituto penale per minorenni di Catania-Bicocca.

Dal 1 gennaio al 31 marzo 2004, borsista presso il Max-Planck-Institut für europäische Rechtsgeschichte di Frankfurt am Main.

Dal maggio 2004, collaboratore della cattedra Storia del diritto medievale e moderno tenuta dal Professor Francesco Migliorino presso la Facoltà di Giurisprudenza di Catania

Dal 1 luglio al 30 settembre 2004, Visiting Scholar presso la School of law dell’Università della California-Berkeley.

Il 16 maggio 2005, conseguimento del titolo di Dottore di ricerca in “Profili della cittadinanza nella costruzione dell’Europa”.

Dal 1 agosto al 30 settembre 2006, Visiting Scholar presso la School of law dell’Università della California-Berkeley.

Dal 1 febbraio 2007, titolare di un assegno quadriennale di ricerca in Storia del diritto medievale e moderno.

Dal 1 ottobre al 30 novembre 2009, titolare di una borsa di studio dell’Università di Catania e attività di ricerca presso il Max-Planck-Institut für europäische Rechtsgeschichte di Frankfurt am Main.

Dal 1 novembre 2010, ricercatore in Storia del diritto medievale e moderno presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Catania.

Dal 1 gennaio 2005 al 31 dicembre 2013, giudice onorario presso il Tribunale per i minorenni di Catania

Dall’anno accademico 2013-14, docente tutor presso la Scuola Superiore dell’Università di Catania.

Per il quadriennio 2014-2018, componente effettivo del Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni, quale rappresentante del personale docente dell’Ateneo di Catania.

  1. L’emancipazione di Foucault dall’ombra hegeliana, in “Segno” 238-239/2002, pp. 105-111.
  2. La sicilitudine e lo scrittore. Dialogo con Pietro Barcellona, in La Maestra e il diavolo. Atti della giornata di studi in memoria di Giuseppe Fava, a cura di A. Pioletti e M. Finocchiaro, Agorà, Catania, 2002, pp. 23-32.
  3. Cura del volume di P. Barcellona, R. De Giorgi, S. Natoli, Fine della storia e mondo come sistema, Dedalo, Bari, 2003 ed introduzione del medesimo, pp. 5-12.
  4. Il Diritto razzista. Una rivista dell’Italia fascista, in “Rechtsgeschichte” 5/2004, pp. 288-292.
  5. Cristiani e politica a Catania. Dialogo con Don Resca, in “Segno” 271/2006, pp. 30-41.
  6.  Michel Foucault storico del diritto, in “Discipline filosofiche” XV (1)/2006, «La struttura subatomica dell’esperienza» Questioni di teoria della storiografia, a cura di B. Maj, pp. 143-156.
  7. Una figura paradossale della Legge: il diritto razzista, in Io sono l’altro degli altri. L’ebraismo e il destino dell’Occidente, a cura di G. Ruggieri, “Quaderni del Ce.S.I.Fe.R” 19, Firenze, Giunti 2006, pp. 137-147.
  8. Sovranità in frammenti. La semantica del potere in Michel Foucault e Niklas Luhmann, Verona, Ombre Corte, 2007, pp. 159.
  9.  Letture di Machiavelli nella cultura di area tedesca tra fine Ottocento e inizio Novecento. Burckhardt, Treitschke, Meinecke, in Machiavelli nel XIX e XX secolo - Machiavel aux XIXe et XXe siècles, a cura di P. Carta e X. Tabet, Padova, Cedam 2007, pp. 125-143.
  10. Leonardo Vitale, la follia della verità, in “Segno” 287-288/2007, pp. 125-128.
  11.  La persecuzione poliziesca degli omosessuali. Un capitolo di storia del fascismo, in “Rechtsgeschichte” 11/2007, pp. 195-198. (Lo stesso testo appare con il titolo Al confino delle Tremiti nel 1939, in “Belfagor” LXII-4/ 2007, pp. 482-485).
  12. Legalità e pericolosità. La penalistica nazifascista e la dialettica tra retribuzione e difesa dello Stato, in “Quaderni fiorentini”, XXXVI/2007, pp. 1031-1082.
  13.  Le pagine macchiate del camerata Stuckart. Frammenti di storia europea tra le carte di un giurista nazista, in “Materiali per una storia della cultura giuridica”, XXXVII (2)/2007, pp. 543-558.
  14.  La nozione di ‘governo’ nei corsi di Foucault, in “Quaderni fiorentini”, XXXVII/2008, pp. 665-675.
  15. Codice della persecuzione. I giuristi e il razzismo nei regimi nazista e fascista, Giappichelli, Torino 2008, pp. 415.
  16.  Guerra e pace nel dibattito giuspolitico tra le due guerre, in Gli italiani in guerra, Il ventennio fascista, volume IV tomo I, a cura di M. Isnenghi e G. Albanese, Utet, Torino 2008, pp. 437- 444.
  17. Statuto albertino, in Gli italiani in guerra, Il ventennio fascista, volume IV tomo I, a cura di M. Isnenghi e G. Albanese, Utet, Torino 2008, pp. 828-829.
  18. L’uomo di vetro nel prisma della verità, in “Sociologia del diritto” 2/2009 , pp. 173-180.
  19. Il senso storico della verità. Un percorso attraverso Foucault, prefazione di Alessandro Fontana, Il Melangolo, Genova 2008, pp. 95.
  20. Inquadramento giuridico del passato: memoria della Shoah e legge italiana, in            Storia della Shoah in Italia. Vicende, memorie, rappresentazioni, a cura di M. Flores, S. Levis Sullam, M. A. Matard-Bonucci, E. Traverso, volume II, Memorie, rappresentazioni, identità, Utet, Torino 2010, pp. 337-356.   
  21. Politica razziale e scienza giuridica in Germania e Italia, in Scarti di umanità. Riflessioni su razzismo e antisemitismo, a cura di F. Migliorino, Il Melangolo, Genova 2010, pp. 167-187.  
  22. Volenti non fit iniuria. Considerazioni storico-giuridiche sull’omicidio del consenziente, in “Snodi. Pubblici e privati nella storia  contemporanea”, 6, 2010, pp. 43-61.
  23. Recensione a Sofia Bianconi, La legislazione razzista in Italia e in Europa (Roma 2009), in “Il mestiere di storico”, 2/2010, p. 151.
  24. La spoliation des juifs d’Italie: théories et pratiques juridiques, in Actes du colloque international: L’aryanisation economiqe et la spoliation des Juifs en Europe (1933-1945), a cura di T.Bruttmann, M.A. Matard Bonucci, A. Wieviorka, (in corso di stampa).
  25. Retorica forense e valori della comunità. Questioni d’onore in alcuni processi siciliani, in Cultura e tecnica forense. Tra dimensione siciliana e vocazione europea, a cura di F. Migliorino e G. Pace Gravina, Il Mulino, Bologna 2013, pp.371- 409.
  26. Gradi di memoria. I giuristi italiani e i processi ai criminali nazisti, in “Laboratoire italien”, 11/2011, pp. 159-179.
  27. Zingali Gaetano, in Dizionario biografico dei giuristi italiani (XII - XX secolo), a cura di I. Birocchi, A. Mattone, M. N. Miletti, Il Mulino, Bologna 2013, pp. 2091-2092.
  28. Precursori dello sterminio. Binding e Hoche all’origine dell’”eutanasia” dei malati di mente in Germania, cura e traduzione (con Carlo Saletti) e introduzione, L’uovo del serpente. Il “Manifesto” di Binding e Hoche, pp. 7-22, Verona, Ombre Corte, 2012.
  29. Giuristi e cultura giuridica dal fascismo alla Repubblica (1940-1948), in “Laboratoire italien”, 12/2012, pp. 63-80.
  30. Recensione a Giuseppe Acerbi, Le leggi antiebraiche e razziali italiane e il ceto dei giuristi, in “Il mestiere di storico”, vol. IV, (2)2012, p. 157.
  31. Lavoro e legge. Uno sguardo sui conflitti degli anni sessanta e settanta, in “Snodi. Pubblici e privati nella storia  contemporanea”, 10, 2012, pp. 14-31.
  32. Lo specchio di Behemoth. Cinema, politica, diritto all’ombra del nazismo, in “Quaderni fiorentini”, XLII - 2013, pp. 123-150.
  33. Una libertà controversa. Il diritto di possedere e portare armi negli Stati Uniti, in http://ilrasoiodioccam-micromega.blogautore.espresso.repubblica.it/2013/04/12/una-liberta-controversa-il-diritto-di-possedere-e-portare-armi-negli-stati-uniti/
  34. Testimoni e vittime. Il racconto giudiziario. In Dopo i testimoni. Memorie, storiografie e narrazioni della deportazione razziale, a cura di M. Baiardi, A. Cavaglion, Viella, 2014, pp. 195-206.
  35. Giustizia e politica nei processi di mafia e camorra. Elementi per una genealogia, in Giustizia penale e politica, Giustizia politica. Forme, modelli, esperienze tra Otto e Novecento, a cura di L. Lacché, C. Storti, F. Colao, C. Valsecchi, F. Migliorino, Giuffré (in corso di stampa).
  36. Guy Geltner, La prigione medievale. Una storia sociale, in “Quaderni fiorentini” XLIII – 2014, pp. 839-845.
  37. Storia d’Italia: dalla costruzione di una religione civile alla religione dei consumi. Recensione a G. De Luna, Una politica senza religione, in “Snodi. Pubblici e privati nella storia contemporanea”, 12, 2013, pp. 179-181.
  38. Recensione a Thomas Vormbaum, Diritto e nazionalsocialismo: due lezioni, in “Il Mestiere di Storico, vol. VI, (2) 2014, p. 325
  39. Democrazia rappresentativa: un eterno work in progress, Recensione a N. Urbinati, Democrazia in diretta. Le nuove sfide alla rappresentanza,  in “Snodi. Pubblici e privati nella storia contemporanea”, 13, 2014 p. 121-125.

Storia del diritto moderno e contemporaneo, Storia del diritto pubblico, Storia del diritto penale, Storia della giustizia, Storia degli ebrei,  Diritto e razzismo, Diritto ed eugenetica, Storia della mafia, Storia delle dottrine politiche.

Dal 1 gennaio 2005 al 31 dicembre 2013, giudice onorario presso il Tribunale per i minorenni di Catania.

Dal 1 Aprile 2012 al 31 dicembre 2013, componente designato dal Presidente del Tribunale per i minorenni di Catania nel Consiglio di Amministrazione dell’I. P .A. B. di Catania.

Dal 2012, componente del Centro per la ricerca sulla giustizia dei minori e della famiglia dell’Università di Catania.

Dal 2012, membro dell’Albo dei revisori del MIUR.

Dal maggio 2014, membro della European Society for Comparative Legal History (E.S.C.L.H.).

Dall’anno accademico 2013-14, docente tutor presso la Scuola Superiore dell’Università di Catania.

Per il quadriennio 2014-2018, componente effettivo del Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni, quale rappresentante del personale docente dell’Ateneo di Catania.

Nel Dicembre 2015, Presidente di commissione per la selezione ai fini della progressione economica orizzontale (P.E.O.) del personale tecnico-amministrativo di fascia C dell’Università di Catania.

Con D. M. 4/12/2015, nominato componente della seconda sottocommissione d’esami per l’abilitazione all’esercizio della professione forense – sessione 2015 -presso la Corte d’Appello di Catania.

Clicca qui per visualizzare tutti gli insegnamenti